Crea sito

C’è della razionalità nella PAZZIA degli Animazzisti: ESTINGUERE CANI, GATTI, ECC. il loro folle progetto de facto!

C’ è della razionalità nella PAZZIA
degli Animazzisti: ESTINGUERE CANI, GATTI, ECC. il loro folle progetto de facto!

 

Tradimento dei falsi-animalisti verso gli animali che dicono di amare!

 

Vedi amica vegana che dissenti con tutti gli altri vegani sterilizzatori seriali di cani e gatti e altre specie con ogni scusa falso-ecologista, perché non ti trovi pur da vegana con queste persone avallatrici di biocidi!? È perché tu hai posto alla base il concetto di non interrompere la vita degli altri animali per empatia nei loro confronti e pertanto ti sei orientata verso la scelta vegana,
in realtà il veganesimo ufficiale non è ispirato, se tu indaghi profondamente, dal principio etico di non negare la vita agli altri, ma dal principio invece di evitare la sofferenza agli altri, ecco perché poi arrivano alla distinzione tra esseri viventi senzienti ed esseri viventi non senzienti, che è una prima grande cavolata e attribuiscono capacità sensitive di sofferenza soltanto agli animali, soprattutto in quanto avendo due occhi, in particolari gli animali superiori, più ricordano loro gli umani. Qui non siamo ovviamente nella scienza ma già siamo profondamente scivolati nell’ideologia claudicante e fanatica. E pertanto i poveri vegetali finiscono nel loro piatto. Ora che alcuni studi stanno dicendo che le piante hanno sensibilità si stanno orientando a mangiare frutti alcuni di loro.
Quello che vedi è Buddismo degenerato in salsa occidentale!
Nel Buddismo classico orientale si mira ad evitare la sofferenza nella vita, come nell’animazzismo occidentale, ma nel Buddismo questo attraverso l’ interruzione del ciclo delle rinascite, il cosiddetto Samsara, rinascita in termini di metempsicosi, in termini di reincarnazione, e per questo loro mirano ad una sorta di elevazione spirituale, che li dovrebbe portare, come loro agognano, al Nirvana, cioè all’ annichilimento, alla scomparsa praticamente totale anche dell’anima oltre che alla dissoluzione del corpo; mentre gli animazzisti, termine perfetto per indicarli, si sono risoluti non nell’attendere un processo di crescita spirituale volto a non reincarnarsi più, volesse Dio che non si reincarnassero più, loro vogliono invece interrompere il ciclo delle rinascite qui sulla Terra, quello attraverso la prole, i semi, e quindi attaccando la fertilità distruggendola, da qui la sterilizzazione fatta con i metodi secondo loro più indolore possibili e assolutamente quanto più irreversibile possa essere, ecco perché preferiscono dove è possibile quella chirurgica amputante delle gonadi a quella chimica più incerta che pure avallano ci mancherebbe! Vivisezione gonadica, altra apparente loro contraddizione che ne fan un cavallo di battaglia la lotta alla vivisezione scientifica!

Ecco perché gli animazzisti, i falsi-animalisti sono sì dei volontari spesso, quando non degli speculatori anche, ma dei Volontari dell’Apocalisse, degli psicopatici pericolosi ecpirosizzatori, trovate questo termine della filosofia stoica “ecpirosi”; vogliono realizzare in maniera artificiale un’ Apocalisse annichilizzante la vita qui sulla Terra, in Gaia il nostro piccolo pianeta vivente!
Come anche accadde per il Cristianesimo così questa degenerazione che ha in sé una profonda snaturazione ha attecchito nelle snaturanti metropoli dove giunta la filosofia buddista come moda essa è stata purtroppo declinata in queste forme pazzesche pericolosissime, e nei decenni seguenti al periodo del forte razzismo contro altre razze umane all’interno dell’Europa, psicologicamente non mi meraviglierebbe scoprire che si tratti anche di una sorta di sublimazione psicologica di quel razzismo contro l’uomo in forme subdole deviato contro altri esseri viventi nel verso di compiere olocausti come nel caso della sterilizzazione a tappeto che agognano gli animazzisti dei cani e gatti per cominciare, con ogni scusa a tal fine, fino alla demonizzazione del randagismo che non è certo qualcosa a priori da demonizzare, se ci si riflette un minimo, basti pensare che la estendono ai gatti che non sono animali mordaci. La estendono ad ogni altra specie ora con la scusa dei patogeni e quindi per “difenderli” anche preventivamente dai patogeni e malattie estinguendoli, persino con lo stamping out l’ecatombe, l’eradicazione a tappeto, ora un vero e proprio “razzismo verde” contro specie bollate esotiche aliene da eliminare, come se la natura andasse fossilizzata da loro per sempre con la desertificazione artificiale de facto. Per questo in essi non si osserva neppure alcuna lotta vera contro i pesticidi contro insetti ed erbe.
Certo è che negli animazzisti continuamente emerge e viene dichiarata la loro nervosa speranza dell’estinzione dell’uomo e la volontà forte, se potessero…, di sterilizzare tutti gli uomini e questo è un fatto da tutti toccabile con mano!

All’interno della degenerazione animalista hanno trovato quindi sfogo patologie della sfera della sessualità, della sfera della socialità, speculazioni di ogni sorta falso-ecologista, che a loro volta hanno rafforzato il sistema degenerato creatasi che mira a influenzare la politica nel verso di trasformare in legge le loro speranze di distruzione del mondo antico che aborriscono, in quanto maggiormente legato alla natura e alla fertilità alla base di ogni vera religiosità antica, distruzione della tradizione del rapporto tra uomo e animali e altre specie, distruzione quindi delle libertà naturalistiche diritto naturale plurimillenario delle genti all’allevamento e alla coltivazione di qualsiasi specie, cosa che anche ne garantisce la conservazione nel tempo, ed ecco perché anche gioco facile è stato l’incrocio tra il falso animalismo e la grande speculazione falso-ecologista dello pseudo-scientifico Global WARming antropico neo-industrialista devastatore di paesaggi e biodiversità, ed ecco che non mangiar carne è stato presentato come un modo per salvare il clima, una grande follia pensate che anche gli esseri viventi sono biomassa, anche i cani e i gatti, come gli alberi, ma sterilizzandoli e non facendoli più nascere si eliminerebbe quella biomassa che comunque capta CO2 altrimenti presente in atmosfera e trasforma il carbonio in materia organica all’interno di questi organismi, ma ovviamente questi sono aspetti che emergono di profonde contraddizioni quando si capisce che si è di fronte a del marcio e si fanno queste vitali analisi di tipo razionale su quello che sta accadendo. Ed è per questo che l’animazzismo è stato caldeggiato da tutte quelle lobby che mirano al controllo monopolizzante speculativo delle specie, lo scippo dei semi prima e della fertilità di ogni altra specie poi! Il concetto del maltrattamento animale diventa pertanto un grande cavallo di Troia per l’affermazione dell’ ecpirosi falso-animalista!
Come al tempo dell’ affermazione del Cristianesimo così ancora oggi è nei piccoli borghi nelle campagne, nel pagus da cui il termine paganesimo, dove la gente ha mantenuto un contatto maggiore con la naturalità, lungo le coste, che si comprendono i valori naturalistici, la natura e le leggi di natura, la scienza dunque, e si riesce a smascherare pienamente l’ideologia animalista prima che essa dilaghi oltre un punto di non ritorno.
È ovviamente un’ideologia che va messa fuori legge e tollerata solo come forma di pensiero ma non certo di azione, è Thanatos l’emersione del principio di morte, ancora di più e il male assoluto perché neppure la morte esisterebbe dove non esiste la vita come loro agognano putridamente di fare, contro Eros il principio di vita il bene.
È dunque il male assoluto che va fermato in questa sua emersione forte subdola e mascherata, per il bene della Natura e anche dell’umanità!

DIFFONDI DIFFONDI DIFFONDI
OPPONITI

Locandine diffuse a fini di stigmatizzazione dell’assurdo fenomeno falso-ecologista in atto.

Il paradigma nuovo, che è poi il vecchio, da affermare contro queste degenerazioni, deve essere:

-) non mutilare in alcun modo la fertilità delle specie viventi, dare quindi chance di riproduzione ad esse,
-) libero allevamento-coltivazione di tutto, (Canapa sativa inclusa).

Poi puoi dirmi se il cavallo lo posso o no frustare con forza, ma non devi permetterti di operare per vietare l’ equitazione!

Che sia falso-animalismo e non animalismo vero, si comprende osservando se attuano il principio regola aurea dell’ ideologia antispecista, intrinsecamente legata all’ animalismo, che dice di non fare agli animali ciò che non faresti a te o agli altri uomini (figli, ecc.).
Ma essi sterilizzano gli animali …

Reso così un essere handicappato artificialmente bisognoso di attenzioni e cure da pagare …

 

TESTO TRATTO DAL POST FACEBOOK AL LINK: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10217617836307786&set=a.10215501812728519&type=3&theater

 

———————————————–

 

QUEL MAL DI VIVERE CHIAMATO FALSO-“ANIMALISMO”
cancro e segno di una civiltà incivilizzatasi degenerata nell’ infiaccante allontanamento dalla Natura.

Ed una sola ne arriva a sterilizzare migliaia di cani e gatti … danni biblici, dilapidatori del patrimonio mondiale della biodiversità.

Locandine diffuse a fini di stigmatizzazione dell’assurdo fenomeno falso-ecologista in atto.

L’ animazzista pertanto:

non sogna un mondo pieno di animali, ma sogna un mondo privo della sofferenza animale,

come dire che non sognano una città nella quale vi siano dentisti contro il mal di denti, ma una città nella quale vivano persone tutte senza denti, affinché nessuno possa mai avere male ad essi.

Per gli esseri senzienti il rischio di soffrire è sempre possibile, per questo in realtà loro sognano l’estinzione degli esseri senzienti, e stanno operando in tal verso sprecandovi ogni minuto della loro vita.

Una sterilizzatrice seriale del Salento ha dichiarato di aver sterilizzato già circa 1000 cani e gatti, vai a mettere uno accanto all’altro 1000 cani e gatti per capire davvero quanti sono e poi considera quante volontarie dell’ Apocalisse ci sono nel territorio, che battono euforiche cinque tra loro e festeggiano ad ogni tacca messa sul loro bisturi, e comprendi di che danno biblico stiamo parlando!

Tenendo conto della loro distortissima visione della realtà, del quantitativo di farmaci di cui ingozzano gli animali, non mi meraviglierebbe scoprire che sono persone inclini ad un uso e abuso di farmaci, con la speranza di prevenire ogni male-sofferenza, e soprattutto antidolorifici e sonniferi per un tentativo continuo di fuga dalla realtà che odiano, dalla natura che considerano certamente matrigna le cui leggi non sopportano, e perché l’uomo è parte della natura In realtà odiano sé stessi, o odiano sé stessi in primis, e questo odio lo vediamo riversato sulle povere specie prese tutte da loro di mira una dietro l’altra, con varie scuse falso amorevoli, perché il loro odio cosmico non sia rivelato in primis a sé stessi!
E appena li si ostacola dialetticamente subito rivelano anche con violenza l’ odio per il prossimo è la loro speranza di estinzione anche dell’uomo, in cui vi è nascosta anche la loro speranza di suicidio indolore, eutanasia dal rischio di soffrire!

Non sono per nulla costruttori, non sono naturalizzatori, non sono rinaturalizzatori, sono forza distruttiva senza controllo,

dilapidatori di patrimonio

il patrimonio di noi tutti rappresentato dalla biodiversità che ci sostiene!

Se esistessero ancora psicologi davvero curiosi i falsi animalisti, materia prima per mille speculazioni consumistiche, sarebbero materiale di ricerca interessante, come interessante tutto questo loro fanatismo fondamentalista per chi studia le dinamiche dei mercati del consumismo e della monopolizzazione delle risorse naturali da parte delle multinazionali!

Quando dicono di voler vietare la caccia non è per salvare gli animali come si potrebbe credere distrattamente ma è perché in realtà vogliono che l’uomo non si nutra da onnivoro quale è, e vogliono chiudere ogni forma di allevamento e sterilizzare a tappeto gli animali, nessun rinselvatichimento e sterilizzazione anche dei selvatici!

 

"Non posso costringerti mica io ad amare la natura, la scienza e le persone!"Messaggio rivolto ad una sterilizzatrice…

Gepostet von Oreste Caroppo am Freitag, 19. April 2019

 

Non c’è dunque contraddizione nel loro voler vietare la caccia, e poi voler che resti aperta quella alle gonadi degli animali senza alcun limite!
Nella caccia ci son regole oggi, discutibili per efficacia, contro l’ ESTINZIONE, ma ci sono, c’è un intento almeno che afferma l’importanza della non estinzione della risorsa prelevata, mentre nel falso animalismo non c’è limite al numero di cani e gatti che uno può sterilizzare e quindi estinguere!
Come si può essere favorevoli!!!! È OLOCAUSTO!
APOCALISSE ARTIFICIALMENTE PERSEGUITA!

Locandine diffuse a fini di stigmatizzazione dell’assurdo fenomeno falso-ecologista in atto.

Il “ragionamento” degli sterilizzatori seriali è quello esposto nel paragrafo precedente “C’ È DELLA RAZIONALITÀ NELLA PAZZIA degli Animazzisti!”

 

Non Salviamo I Cani Di Tutto Il Mondo: Salviamo Almeno Il Nostro!!

Gepostet von Cinofilia Naturale – Educazione cinofila alternativa am Donnerstag, 23. August 2018

Video: la grande denuncia di un vero cinofilo!

 

TESTO TRATTO DAL POST FACEBOOK AL LINK: https://www.facebook.com/oreste.caroppo.9/posts/10216151264884417

 

Locandine diffuse a fini di stigmatizzazione dell’assurdo fenomeno falso-ecologista in atto. Artisti in tutto il mondo si stanno mobilitando perché sia fermata la follia della sterilizzazione seriale degli animali.

 

Su Youtube trovo questo importante eloquente sconcertante spezzone da ascoltare:

———————————————–

 

IL FALSO-ANIMALISMO NON HA LIMITE!

Dobbiamo parlare del limite! Io salgo sulla Serra di Supersano, ad esempio che è nel cuore del basso Salento, ma ognuno si ponga con la mente sul suo rilievo panoramico rurale più gradito in questa nostra Italia, e guardo la vallata dell’ entroterra salentino una serena Domenica pomeriggio. Cosa devo vedere?

Devo vedere qualche cane, ben più d’ uno che scorrazza libero, devo sentirne diversi che abbaiano, devo veder gattini in agguato tra l’ erba in attesa di lucertoline o topolini da predare!

Se non vedo ciò deve sollevarsi la questione tragica della loro assenza! E così per tantissime altre specie animali e vegetali del passato. Ma veniamo in un processo erosivo da invertire e che va avanti da troppi decenni, all’ ultima e contingente delle tragedie, quella del rischio che oggi corrono cani e gatti per la piaga dell’ animazzismo!

Ora se sale sulla collina un gruppo di animazziste assetate di sangue gonadico, con qualche fuco orco al seguito, e la macchina piena di adesivi pucci pucci e cuoricini con tante zampette di cane disegnate e lì scrutano nel binocolo anche un sol gatto libero o un solo cane a passeggio senza guinzaglio, lì lontano felice per la sua salute-integrità e libertà, loro cosa pensate che faranno anche quando questi animali stan lì evidentemente senza problemi? E del resto anche cresciutelli certo che fan parte di un sistema naturale-antropico che li ha nutriti e permesso di crescere! Cosa faranno?

Partiranno in picchiata come arpie giù dalla collina per prenderli con ogni mezzo, e se non riusciranno subito, torneranno come predatori supremi e spietati, e inventeranno drammi, e dipingeranno tragedie su ogni social network e media, e grideranno contro tutto il genere umano e il mondo e la natura che ha permesso quella bellezza che loro aborriscono: e STERILIZZERANNO!

E dall’ odore di erba umida il Cane e il Gatto passeranno in un’ atmosfera da sala operatoria annebbiati tra odori di ospedale e si risveglieranno tra carezze degne della strega della fiaba di Hansel e Gretel, ormai mutilati, ormai non più Cani, ormai non più Gatti, vivi ma morti!

Loro, i falsi-animalisti, non hanno dunque alcun limite! Il deserto artificiale sarebbe l’ esito della loro malattia e di questo loro negozio, che noi tutti, genere umano, non possiamo più consentire loro!

 

Locandine diffuse a fini di stigmatizzazione dell’assurdo fenomeno falso-ecologista in atto.

 

TESTO TRATTO DAL POST FACEBOOK AL LINK: https://www.facebook.com/oreste.caroppo.98/posts/917444591742926?hc_location=ufi

 

———————————————–

IL CANILE E’ L’ INFERNO IN TERRA
IL REAME DELLE VOLONTARIE DELL’ APOCALISSE FALSO-ANIMALISTE STERILIZZATRICI SERIALI

Immagine di Cerbero nell’Inferno dantesco, opera di Paul Gustave Doré. Dal link.

 

Mi chiedono: “cosa ne pensi dei movimenti pro-estinzione (umana si intende). Secondo te è un pensiero effettivamente ambientalista?”

LA MIA RISPOSTA: Esistono davvero questi movimenti??
Se sì son almeno intellettualmente onesti a differenza dei movimenti falso animalisti odierni che di fatto con la sterilizzazione seriale animale agognano in realtà anche proprio l’ estinzione dell’ uomo che dagli animali dipende!

(Approfondimento “C’ È DELLA RAZIONALITÀ NELLA PAZZIA
degli Animazzisti!” al link: https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=938674016286650&id=100004321811516)

In ogni caso si deve fare la propria parte nel gioco dialettico delle parti, nella storia.
Qui si configura chiara una lotta tra i due principi fondamentali Eros-bene e Thanatos-male! Manicheista.
Gli sterilizzatori seriali incarnano il male assoluto, e questo per definizione, nessun pregiudizio di parte per dire ciò verso di essi è necessario!

Porta letteralmente sfortuna sterilizzare i Cani!

 

Poi si può dire filosoficamente: “ma tanto la vita vince sempre”, “ma alla fine tutto è natura”, ma non ci si deve ritirare dal gioco forti di questo perché il contrasto del male è fondamentale, e ritirarsi dall’ agone cessando di contrastare il male non sarebbe saggezza, vorrebbe dire favorire il male comunque, e dunque operare nel verso del male!

La sterilizzatrice seriale, locandina di amara veritiera ironia!

Le associazioni falso animaliste, (e delle vere, sperando esistano, siamo in trepidante ricerca!), nascondendo la cupa realtà della loro ideologia profonda anti-homo, e quindi anche anti-civiltà umana, son riuscite a fare più adepti, oltre a quelli già attratti inconsciamente o meno da un adesione al principio del male. Gli altri che si avvicinano illusi per spirito pietista verso gli individui animali, non per spirito conservazionista delle loro specie, dopo la prima plagiata sterilizzazione compiuta, sorta di iniziazione al male, poi difficilmente possono più uscire dal giro; ce la possono fare solo spiriti più critici e forti; uscirne vorrebbe dire accettare e palesare di essere stati raggirati ingenuamente verso il male ed esserne divenuti complici, e non è facile arrivare ad ammettere i propri errori, è il fenomeno psicologico della “fidelizzazione del male”.
In realtà io dico loro di non sentirsi colpevoli, la specie presa di mira non è ancora estinta, e alla fine possono paragonare le sterilizzazioni che han compiuto all’ atto quotidiano umano di mangiarsi qualche animale, l’ importante che ne escano dal folle giro della spirale della sterilizzazione a tappeto che è spirale diretta verso l’ estinzione, dato che la Terra è finita e così il numero di esemplari di una specie, e 0 esemplari fertili è praticamente l’estinzione, (a parte ricorrere a quel punto a tecniche di ingegneria genetica estreme, ma occorre evitare di arrivare a tali punti)!

——————————————————

[NOTA DI APPROFONDIMENTO:

“LA FIDELIZZAZIONE DEL MALE”

Perché poche proteste in Italia ancora contro la sterilizzazione dei gatti e cani, ora che la schifo del fenomeno speculativo morboso è palesato?

E’ la “fidelizzazione del male”:
con vane scuse hanno convinto in questi anni tante brave persone a sterilizzare i propri animali, e a far volontariato dell’ Apocalisse, mascherato sotto un falso “animalismo”, per prenderli ovunque e sterilizzarli; quelle persone oggi vivono la crisi di coscienza, la difficoltà di ammettere a sé stesse di essere cadute nell’ abominio, e per questo meglio, considerano pro loro equilibrio psichico, l’ indifferenza o addirittura la difesa dell’ olocausto della sterilizzazione!
In realtà anche loro dovrebbero capire che alla fine non è stata piena colpa loro, facciano finta di averli investiti quei cani e gatti che han lasciato sterilizzare in mani delle quali si son purtroppo fidati, almeno si può pensare alla casualità e non all’ atto volontario di coscienza,
nulla ancora e perduto e vi son gatti e cani di cui difendere l’ integrità e cui consentire le cucciolate, e non solo, stan sterilizzando persino i conigli già …
FERMIAMOLI!

Dal mio post facebook del 10 febbraio 2018 al link: https://www.facebook.com/oreste.caroppo.9/posts/10215656765922252

——————————————————

Per legittimare il loro operato di estinzione le più acerrime nervose volontarie falso-animaliste sterilizzatrici seriali delle creature invitano le persone titubanti da convincere a sterilizzare ad andare con loro nel canile di zona per vedere in che condizioni vivono gli animali dove prestano servizio, le loro malattie e sofferenze, i morsi che si lanciano costretti in piccoli spazi ad alta densità canina, le ferite, le carni lacerate da piaghe, le lacerazioni riportate da contusione contro reti metalliche, a sentire i loro disperati latrati, ecc. ecc.
Non viene in mente a queste che quello, specie poi su suoli di cemento e non terrosi e di prati verdi, in piccoli spazi, con gabbie metalliche, non è l’ habitat naturale e storico degli cani ma una artificiale invenzione e costruzione recente dell’ uomo, e che è quella costretta innaturale condizione da modificare e su cui intervenire, non intervenire invece come le false animaliste fanno contro la specie dei cani “aiutandola” nella loro convinta perversione a non soffrire più estinguendo i cani ovunque, affinché più nessuno di essi ne nasca e finisca nei canili o comunque soffra! Pazzia in atto!

Il Cane (come l’ altro canide lo Sciacallo) è nel pensiero simbolico-magico-mitologico del Vecchio Mondo animale psicopompo, accompagnatore cioè delle anime dei defunti nell’ aldilà, ciò probabilmente a seguito dell’ antica osservazione dei gusti alimentari saprofagi di questi canidi che si nutrono anche di cadaveri umani abbandonati all’ aperto.
Indubbiamente il Cane, pur fedele amico degli uomini vivi, non disdegnava di cibarsi dei cadaveri umani.
Nella mitologia greco-romana un cane mostruoso infernale è posto a guardia dell’ ingresso dell’ Ade, come cani vivi fan da guardia alle proprietà dei vivi; era chiamato Cerbero, e nel medioevo Dante lo rincontra nel suo racconto della visita all’ Inferno sotto la guida del sommo vate latino Virgilio.
E’ un cane a tre teste, e l’ ispirazione, simbologie a parte, non è insolito venisse anche dallo stesso mondo naturale dove son documentati in teratologia mammiferi nati con più teste per poi sovente morire poco dopo il parto.

Se parlo ormai quasi solo di “Volontarie dell’ Apocalisse”, al femminile, per indicare i volontari del falso-animalismo sterilizzatore seriale degli animali, non è certo per una qualche misoginia di fondo, anzi, ma è perché è ormai un fatto palese che in Italia la componente principale e portante del falso animalismo, più fanatica e intransigente inoltre, è composta da donne, e questo porta poi ad ulteriori approfondimenti psicologici e sociali del fenomeno animazzista del nostro tempo. Maschi vi sono anche certo, ma l’ orda animazzista è in rosa!

Ora voi potete dire: “ma non è così, son delle volontarie di sani principi e valori che amano gli animali, cani e gatti!”

Ok, nessuno vuol imporvi nulla, ma messovi il dubbio ora fate le stesse prove che ho fatto io, per verificare basta chiedere che non sterilizzino, e che diano in adozione gli animali non ancora sterilizzati senza più vincolo di sterilizzazione, provate, e poi dopo venite a scrivere qui sotto: “caspita, purtroppo, son nerissime volontarie dell’ Apocalisse davvero!”

(Testo tratto dal mio post facebook del 28 agosto 2018 al link: https://www.facebook.com/oreste.caroppo.9/posts/10217268438653063)

 


———————————————–

 

CONTRO TUTTA QUESTA INSANA FOLLIA:

 

 

 

No ai canili lager gulag di sterilizzazione seriale

 

 

 

 

 

 

 

ADERITE AL GRUPPO FACEBOOK:

Animalisti contro la sterilizzazione e i biocidi

 https://www.facebook.com/groups/151140882337386/

 

Un commento su “C’è della razionalità nella PAZZIA degli Animazzisti: ESTINGUERE CANI, GATTI, ECC. il loro folle progetto de facto!

  • Gennaio 18, 2021 alle 6:19 pm
    Permalink

    “PIU’ ANIMALI MUOIONO
    PIU’ NE DEVONO NASCERE!”

    Lapalissiano!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.